Science Compass | Impatto delle charity di ricerca biomedica
La "buona causa" non è sufficiente a dimostrare la validità e la qualità di un'organizzazione non profit dedicata al sostegno della ricerca biomedica. E non può fornire una misura di efficacia in grado di guidare scelte strategiche e di attirare sostegno e collaborazioni. Per dimostrare di stare facendo la differenza, occorre che l'organizzazione quantifichi, analizzi e mostri l'impatto del proprio operato.
ricerca biomedica, ricerca scientifica, charity, organizzazione di malattia, associazione dei pazienti, impatto, scienza e società, AMRC, francesca sofia, finanziamenti alla ricerca, non profit, politiche sanitarie, istituzioni di ricerca biomedica, biomedicina,
16946
post-template-default,single,single-post,postid-16946,single-format-standard,cookies-not-set,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Qual è l’impatto della ricerca finanziata dalle charity biomediche?

La “buona causa” non è sufficiente a dimostrare la validità e la qualità di un’organizzazione non profit dedicata al sostegno della ricerca biomedica. E non può fornire una misura di efficacia in grado di guidare scelte strategiche e di attirare sostegno e collaborazioni. Per dimostrare di stare facendo la differenza, occorre che l’organizzazione quantifichi, analizzi e mostri l’impatto del proprio operato.

 

Un’analisi di impatto ha dimostrato che una campagna di sensibilizzazione abbinata alla produzione di linee guida cliniche, entrambe finanziate dalla organizzazione “The brain tumor charity” ha dimezzato il tempo alla diagnosi per i bambini colpiti da tumore cerebrale in Gran Bretagna.

Questo è uno dei casi studio inclusi nel report “Making a difference: impact report 2017” pubblicato qualche mese fa dalla Association of Medical Research Charities (AMRC) .

Ogni anno le charity britanniche investono circa 1,6 miliardi di sterline in ricerca biomedica. AMRC, l’associazione che le riunisce e le rappresenta nel paese, ha tra i propri obiettivi quello di valutare l’impatto di questi investimenti.

I risultati dello studio, effettuati sulle attività finanziate da 40 charity associate ad AMRC, evidenziano il contributo di queste organizzazioni in 5 aree principali:

  1. Produzione di conoscenza originale
  2. Traduzione della ricerca in prodotti e servizi in ambito sanitario
  3. Stimolo alla ricerca tramite finanziamenti e collaborazioni
  4. Produzione di evidenze scientifiche che influenzano le politiche e stimolano il dibattito pubblico
  5. Sviluppo delle risorse umane dedicate alla ricerca

 

In ciascuna di queste categorie è stato analizzato tutto ciò che può essere considerato un prodotto della ricerca finanziata: tra questi, per esempio, le pubblicazioni scientifiche, i brevetti, le politiche sanitarie influenzate dalla ricerca, l’attivazione di esperienze formative dedicate a chi opera nell’ambito biomedico, la creazione di aziende spin-out dalla ricerca accademica e lo sviluppo di terapie.

Il tutto ammonta a 64.000 “prodotti” tramite i quali la ricerca finanziata dalle charity ha esercitato un impatto.

AMRC si spinge oltre nell’elaborazione di questa opera di monitoraggio identificando i diversi benefici, diretti e indiretti, che tutta la società può trarre dal finanziamento alla ricerca biomedica. Oltre al principale vantaggio di raggiungere significativi avanzamenti nella medicina, le attività finanziate si sono rivelate in molti casi utili alla produzione di lavoro e valore economico per il paese.

Produrre un report di questo tipo, attività decisamente impegnativa per AMRC, è molto utile perché da un lato fornisce all’organizzazione una base solida per incidere sulle politiche nazionali e per stimolare il dibattito pubblico sulla ricerca biomedica e sui temi sanitari in generale e, dall’altro, fornisce alle charity associate uno strumento molto efficace per effettuare analisi strategiche e comparative sulle proprie attività.

Link utili:

https://www.researchmedia.com/amrc/making-a-difference-impact-report-2017/

https://www.youtube.com/watch?v=KsJkE2y-vD0&feature=youtu.be

 

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.