Science Compass | francesca sofia / founder and chief
Science Compass è gestione strategica ed efficace dell'investimento in ricerca biomedica. Supporta il cliente con strumenti di grant-making, peer reviewe monitoraggio della ricerca.
ricerca scientifica biomedica, biomedicina, terapia, cura, strategia, investimento, peer review, grantmaking, malattie rare, genetica, impresa scientifica, selezione, merito, bando, consulenza
15993
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15993,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-theme-ver-13.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
 

francesca sofia / founder and chief

francesca sofia / founder and chief

La mia vita professionale è iniziata al bancone di un laboratorio. L’ambito della mia ricerca era quello delle neuroscienze. In particolare, studiavo le funzioni del gene Emx1 nello sviluppo del cervello: tra i principali risultati di questa ricerca vi fu l’identificazione di un coinvolgimento del gene nell’epilessia.

 

Nello stesso periodo il mio interesse si focalizzava anche su temi legati a economia e management: desideravo approfondire l’impatto di queste discipline sull’impresa scientifica.

 

Concluso il dottorato in Biologia molecolare e cellulare presso la Open University London, decisi di integrare il mio percorso formativo con un master in International Healthcare Economics, Policy and Management dell’Università Bocconi.

 

Fu questo passaggio a convincermi che la gestione della scienza sarebbe stato il mio ambito di lavoro. E l’opportunità di mettere a frutto i miei studi si presentò presto con il reclutamento presso la Direzione scientifica della Fondazione Telethon.

 

Ho trascorso in Telethon dieci anni nel corso dei quali ho avuto modo di acquisire l’esperienza sul campo in materia di valutazione della scienza, analisi di scenario e gestione di un portafoglio di ricerca su mandato di una comunità di stakeholder.

 

La relazione con i pazienti e la condivisione delle logiche e dei processi della ricerca finalizzata alla cura sono state centrali nel mio percorso professionale.

 

Un percorso che potrei definire lineare, ma che subisce una forte, e fondamentale, scossa quando nel 2011 alla minore delle mie figlie è diagnosticata una forma di epilessia che ben presto si rivela resistente alle terapie.

 

La malattia di mia figlia ha segnato uno spartiacque nella mia esistenza, dando al mio lavoro una nuova urgenza: la mia professione si è fusa con la vita traendone forza, motivazione e umanità.

 

I passi compiuti dopo sono il risultato della visione che ho distillato nella formula di Science Compass: realizzare imprese scientifiche che nascano da bisogni e obiettivi condivisi e crescano grazie alla dedizione e all’ingegno di persone decise a tracciare percorsi nuovi.